il tesoro del pavone

La cortesia che le voglio chiedere, signor DeGiorgi, è di tornare in Italia e far sapere al mondo che l’Iran è un Paese ricco. Non ricco solo di storia e di fonti energetiche, ma anche e soprattutto ricco di denaro. Ricco di pietre preziose e quant’altro potrà servirci in futuro per fare in modo che questo Paese possa ritornare ad avere il posto nel mondo che gli spetta, come lo sono stati gli imperi succedutisi negli anni in questa parte della terra.

ISBN

9788832195866

Anno di Pubblicazione

Maggio 2024

Genere

Narrativa

Pagine

263 pagine

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.

Gianstefano Foresti (Sarnico, 1976) è un accanito lettore di fumetti e libri di ogni tipo. Oltre ai suoi tanti hobby, dal 2020 ha deciso di dedicarsi alla scrittura.

Il primo uccisore” è il suo romanzo d’esordio.

Il tesoro del pavone” è il suo secondo romanzo e prende una pausa dal filone thriller-fantascientifico con il quale ha iniziato la sua attività di autore.

Proprio per via della molteplicità dei suoi interessi, ha raccolto una nuova sfida e si è immerso nella scrittura di un romanzo storico, ricostruendo un fatto realmente accaduto nell’Iran dei primi anni Ottanta.

Ti potrebbe interessare…

  • Il primo uccisore 20.00

    La tranquillità di un piccolo paese della provincia bresciana viene stravolta da un omicidio inquietante e morboso, l’ultimo di una serie.
    Ed è quando l’Interpol si presenta alla porta del distretto di Polizia per reclamare informazioni su quel delitto, che l’ispettore capo Filippo Santacroce viene catapultato in una storia via via più tortuosa.
    Si tratta davvero di un killer seriale? L’unica certezza è che l’autore delle macabre opere comunica attraverso rompicapi e tatuaggi. Che anche lui si stia nascondendo da qualcuno? E soprattutto, perché vuole proteggere gli investigatori?
    Santacroce si troverà quindi proiettato in una storia al di là del tempo e dell’immaginario, il frutto di una programmazione ben precisa iniziata molto tempo prima. Le indagini apriranno squarci su una realtà terribile, una verità paradossale e inverosimile in cui la morte di povere donne è solo il mezzo per arrivare a qualcosa di molto più complesso.
    Per risolvere il caso, Santacroce non solo dovrà fare i conti con l’orrore, ma si troverà costretto a indagare su se stesso, sul suo passato e sulle insicurezze che lo attanagliano. E se questo fosse solo l’inizio?

    • Autore:Foresti Gianstefano
    20.00Aggiungi al carrello
Carrello

Nessun prodotto nel carrello.